VIDEO  

   

Calendario Eventi  

Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
   

ARTICOLI

Come nasce la formazione sulle Non Technical Skill

di Chiara Locatelli

Nell’ambito dell’aviazione, l’individuazione delle Non Technical Skill (NTS) più adatte a proteggere le organizzazioni dalla manifestazione degli errori è stata promossa attraverso la programmazione dei corsi “Crew Resource Management (CRM)”. Essi costituiscono uno dei più efficaci adattamenti della formazione sul gruppo di lavoro basati sulla definizione di modelli mentali condivisi (Sundar et al. 2007). Alcuni elementi del CRM, infatti, comprendono la pianificazione di briefing, procedure per la risoluzione di conflitti e per la revisione delle prestazioni.

 

Il CRM può essere descritto come un sistema gestionale che favorisce l’impiego ottimale delle risorse a disposizione – strumentazione, procedure e persone – per promuovere la sicurezza e per migliorare l’efficienza delle operazioni di volo.

La formazione CRM prese avvio da un workshop organizzato dalla NASA nel 1979 che si focalizzò sul miglioramento della sicurezza del volo (Helmreich, Merritt e Wilhelm, 1999). Gli studi presentati in questo workshop rilevarono che il fattore umano costituiva la principale causa degli incidenti più gravi e che la maggioranza dei problemi era legata a fallimenti della comunicazione interpersonale, della leadership e del processo di decision making – le Non Technical Skill (NTS).

Partendo da queste premesse, i programmi del CRM iniziarono ad occuparsi, non solo delle conoscenze e delle competenze tecniche richieste, ma anche delle abilità cognitive e interpersonali necessarie alla gestione del volo: dove per abilità cognitive si intendono i processi mentali utilizzati per mantenere un’elevata consapevolezza della situazione, per risolvere i problemi e per prendere decisioni; mentre per abilità interpersonali si intendono tutti gli aspetti legati all’efficacia della comunicazione e del lavoro di gruppo (Flin e Martin, 2001).

Negli ultimi 20 anni l’attenzione nei confronti delle NTS si sta diffondendo anche in ambito sanitario, anche se l’inserimento di questi argomenti nei corsi di formazione istituzionali resta ancora esperienza di pochi.

“Purtroppo nei nostri corsi universitari non si insegna a gestire il rapporto medico-paziente. Il rischio è che la malattia conti più del malato.” (Prof. U. Veronesi - Intervista al Corriere della Sera del 18/09/2011).

 

Bibliografia

Flin, R., e Martin, L. (2001), Behavioral Markers for Crew Resource Management: A Review of Current Practice, The International Journal of Aviation Psychology, 1 (1), 95-118.

Helmreich, R.L., Merritt, A.C., and Wilhelm, J.A. (1999). The evolution of Crew Resource Management training in commercial aviation, International Journal of Aviation Psychology, 9 (1), 19-32.

Sundar, E., Sundar, S., Pawlowski, J., Blum R., Feinstein D. and Pratt, S. (2007), Crew Resource Management and Team Training, Anesthesiology Clinics, 25 (1), 283–300.

 

e-max.it: your social media marketing partner
   

Vuoi parlare con noi? 

Telefona a 0200624960

Scrivi a info@aints.org

Vuoi iscriverti alla Newsletter? Premi qui

 

Vuoi associarti o rinnovare l'iscrizione?

Fai click qui

   
© Copyright 2020